NEWS

Le ultime notizie sul mondo Sinloc
Home  /  NEWS

Visita il nostro Archivio

PROGETTO AWASTER: PER IL FUTURO SOSTENIBILE DEL MAR ADRIATICO

2 Maggio 2024
Da educazione a trasformazione: il progetto AWASTER pone le basi per il futuro sostenibile del Mar Adriatico Il contesto territoriale del Mar Adriatico si trova ad affrontare grandi sfide legate alla crescente quantità di rifiuti che minacciano l’ecosistema marino e la conservazione della sua bellezza naturale. I dati dimostrano che la quantità di rifiuti marini è in aumento, richiedendo un intervento urgente. Tuttavia, in pochi sanno che fino all’80% di questi rifiuti proviene dalla terraferma. La mancanza di consapevolezza sulla gestione dei rifiuti è riscontrabile a tutti i livelli della società sia in Italia sia in Croazia, mettendo a rischio il raggiungimento degli obiettivi dell’UE in materia di sostenibilità. La mancanza di una gestione sistematica dei rifiuti e l’applicazione di modelli di produzione e consumo lineari e obsoleti, in cui gli oggetti vengono impropriamente scartati dopo un singolo utilizzo, danneggiano infatti gravemente l’ambiente, il clima e la salute di ogni individuo. L’importanza di rafforzare, a livello educativo e professionale, la conoscenza di base sulla gestione dei rifiuti, anche promuovendo la consapevolezza ambientale fin dalla più tenera età, è stata riconosciuta da sei partner italiani e croati che hanno implementato il progetto AWASTER (Adopting WASTE as Resource). Il capofila del progetto IRENA – Agenzia Regionale Istriana per l’Energia (HR) e i partner Associazione per la Natura, l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile Sunce (HR), SINLOC SPA (ITA), VeGAL – GAL Venezia Orientale (ITA), Comune di Casarano (ITA) e GAL-LAG 5 (HR) hanno infatti unito le forze per affrontare il problema dei rifiuti marini lungo la costa adriatica nell’ambito del progetto AWASTER. Sensibilizzare i più giovani è l’obiettivo principale Il progetto è finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera “Interreg Italia-Croazia 2021-2027“. Sarà attuato nelle zone costiere della Croazia e dell’Italia fino alla fine di agosto 2026. Per dare il via alle attività del progetto, i partner si sono incontrati il 23 e 24 aprile 2024 a Labin nell’ambito delle Giornate della transizione energetica verde e blu della Regione dell’Istria e hanno concordato la direzione da dare alle attività. L’obiettivo generale è quello di ridurre la produzione di rifiuti promuovendo e sostenendo i principi dell’economia circolare attraverso programmi e percorsi educativi, nonché attraverso lo scambio transfrontaliero di conoscenze ed esperienze che coinvolgano studenti delle scuole elementari e superiori e stakeholder del settore economico: “Per avere futuri cittadini consapevoli del loro ruolo nella conservazione della natura, l’educazione alla conservazione ambientale e l’importanza della riduzione dei rifiuti dovrebbero essere integrati in ogni sistema educativo”, ha sottolineato Andrea Poldrugovac, responsabile del progetto per IRENA. “Coinvolgeremo le scuole in attività educative secondo le linee guida sviluppate attraverso il progetto. Insieme ai più giovani, organizzeremo azioni di pulizia ambientale con l’obiettivo che gli studenti trasmettano le conoscenze acquisite ai loro genitori. L’idea è quella di creare piccoli EcoLab per creare prodotti innovativi dai rifiuti di plastica”, ha aggiunto Tea Kuzmičić Rosandić di Sunce. I decisori politici e il settore economico sono attori essenziali  I partner svolgeranno una serie di attività per promuovere la rapida adozione dei principi dell’economia circolare e della sostenibilità. “Svilupperemo linee guida per i decisori politici ed una strategia e un piano d’azione congiunti, oltre a un catalogo
Continua a leggere

ANTICIPO DA OLTRE 9 MILIONI PER IL RINNOVO DEL PARCO MEZZI ATAP

12 Aprile 2024
Un finanziamento da oltre nove milioni di euro quello che Unicredit ha erogato ad ATAP azienda di trasporto pubblico locale operante principalmente nei territori di Biella e Vercelli, anche grazie all’attività di mediazione svolta da Sinloc MC. Si tratta di una delle prime operazioni di anticipazione di questo genere in Italia: un’Istituzione finanziaria privata delibera una linea di credito per anticipare le risorse pubbliche stanziate per la realizzazione del piano di interventi di una società di trasporto pubblico locale. Il piano di ATAP prevede la messa su strada di 86 nuovi autobus, di cui 18 elettrici e 45 a metano, nonché la realizzazione degli impianti di ricarica elettrica e rifornimento. Parte degli investimenti è già stata realizzata con l’acquisto di 31 mezzi, il completamento è programmato entro il 2025. ll costo stimato del piano investimenti è di poco superiore a 31 milioni di euro, di cui 23 milioni  coperti da risorse pubbliche, veicolate per lo più dalla Regione Piemonte e dal Comune di Vercelli. La linea di finanziamento deliberata da Unicredit ha una durata massima di 36 mesi e consentirà di accelerare la realizzazione degli interventi, con un piano di rimborso correlato alla percezione, da parte dell’azienda, dei contributi pubblici previsti. Sinloc MC ha fornito assistenza tecnica lungo tutto l’iter di confronto con la controparte bancaria, dalla realizzazione del piano economico-finanziario degli investimenti, con l’ottimizzazione dell’esigenza finanziaria, alla fase di negoziazione delle clausole contrattuali con l’Istituto di credito, fino alla stipula del contratto di finanziamento. La realizzazione degli interventi apporterà molteplici benefici al territorio, anche grazie alla riduzione delle emissioni inquinanti e di gas serra (CO2) rese possibili proprio dai nuovi mezzi meno inquinanti.
Continua a leggere

“AUTONOMAMENTE INSIEME”, UN EVENTO SU DISABILITÁ E VITA INDIPENDENTE

11 Aprile 2024
Lunedì 15 aprile dalle 14.00 presso il Teatro ConsorTium di Massa Martana (PG) si terrà l’incontro “Autonomamente Insieme – Esperienze e prospettive in Umbria su disabilità e vita indipendente” organizzato dal comune di Massa Martana con il sostegno di Fondazione Perugia, il patrocinio della Provincia di Perugia e il supporto organizzativo della società di consulenza Sinloc – Sistema Iniziative Locali, che ha fornito Assistenza Tecnica al progetto: “Dopo di Noi – Andiamo a Casa Bice”. Vita indipendente e disabilità al centro dell’incontro che si terrà il prossimo 15 aprile dalle 14.00 presso il Teatro ConsorTium di Massa Martana (PG), un momento per riflettere e scambiare esperienze su nuovi modelli di welfare e sulle prospettive legate all’autonomia delle persone con disabilità. Riflessioni che nascono dal lavoro che il comune di Massa Martana ha svolto nell’ultimo anno insieme ai consulenti di Sinloc per strutturare il progetto “Dopo di Noi – Andiamo a Casa Bice”, grazie al sostegno di Fondazione Perugia. “Casa Bice” è un luogo simbolo del borgo, una villetta donata all’amministrazione e destinata a diventare una «palestra di vita indipendente», in cui la persona con disabilità potrà «allenarsi», attraverso percorsi personalizzati, a raggiungere un grado di autonomia tale da consentire un’esperienza di residenzialità continuativa fuori dalla famiglia. “Autonomamente Insieme” vuole essere una prima opportunità di confronto e dibattito per esplorare progettualità in essere e traiettorie di sviluppo in Umbria, anche attraverso la presentazione di buone pratiche e casi di successo. L’evento mira, inoltre, a sensibilizzare enti pubblici e del privato sociale su progetti personalizzati di vita indipendente e a creare un network di attori che si occupano di programmazione e servizi a sostegno delle persone con disabilità. Saranno presenti, portando la loro esperienza concreta, rappresentanti di: Regione Umbria, Fondazione Perugia, Impresa Sociale Consorzio Girasole di Lecco, Centro Speranza di Fratta Todina, FISH Umbria, Fondazione Dopo di Noi “La Crisalide” di Orvieto, La Bottega Azzurra Società Cooperativa Sociale di Gubbio, Polis Società Cooperativa Sociale di Perugia. “Parlare di Dopo di Noi significa affrontare un tema rilevante nel panorama del mondo della disabilità e dei servizi sociali che riguarda non solo le persone con disabilità, ma anche i loro familiari e la sensibilità di ogni persona – afferma Chiara Titani, Assessore del Comune di Massa Martana – “Autonomamente Insieme” vuole, quindi, essere un punto d’incontro tra tutti gli attori coinvolti: persone con disabilità, famiglie, istituzioni, associazioni e mondo del volontariato; un momento di condivisione e di confronto sulle politiche in atto e sulle buone pratiche da attuare. Un dialogo che, partendo dalle esperienze delle persone direttamente interessate e delle loro famiglie, oltre che dalla lettura del contesto locale, si sviluppa dal livello territoriale a quello regionale. Con questa azione contribuiamo a realizzare la volontà della cara e generosa concittadina Beatrice Bratti.” “Il nostro ente è da tempo impegnato nel promuovere approcci innovativi e inclusivi al tema della disabilità, puntando in particolare sul dialogo intergenerazionale e sull’incontro pubblico-privato”, spiega Cristina Colaiacovo, Presidente di Fondazione Perugia – “Per questo abbiamo sostenuto con grande convinzione e
Continua a leggere

SINLOC CHIUDE IL 2023 CON 260 PROGETTI E RICAVI A 11,8 MILIONI

26 Marzo 2024
Sinloc continua il suo percorso di forte crescita e per la prima volta porta i ricavi a doppia cifra, avvicinandosi ai 12 milioni di euro (11,8 milioni, +78% sul 2022) e superando i 4 milioni di utili. Il patrimonio della Società ha inoltre superato i 53 milioni di euro. Si coglie ancora meglio la crescita di Sinloc confrontando il dato di cinque anni fa con quello attuale, con un raddoppio di ricavi e dipendenti. Il fatturato nel 2018 era 4.8 milioni ed i dipendenti 30, oggi diventati 60. Il bilancio 2023 è stato oggi esaminato dal Consiglio di Amministrazione, espressione delle dodici Fondazioni di Origine Bancaria azioniste di Sinloc. Il Consiglio ha manifestato soddisfazione per i risultati raggiunti anche perché, pur rafforzati da alcune operazioni straordinarie, si fondano su una significativa e sostenibile crescita dell’attività ordinaria. Nel corso del 2023 Sinloc è intervenuta in oltre 260 progetti in Italia e in Europa confermandosi una Società leader nello sviluppo locale. Si è poi consolidata l’attività di cogestione di Fondi, alimentati da risorse private e/o pubbliche, che ha raggiunto volumi pari a circa 500 milioni. Obiettivo a cui hanno contribuito i nuovi importanti fondi acquisiti in collaborazione con il Gruppo Finint e che stanno finanziando iniziative sul settore del turismo e della rigenerazione urbana. Il salto dimensionale e di qualità di Sinloc sarà ancora più evidente a giugno, quando l’assemblea dei soci approverà il primo bilancio consolidato con ricavi previsti per circa 70 milioni, facendo emergere, sia il contributo delle Società specialistiche di consulenza via via cresciute attorno a Sinloc spa, sia il volume di affari gestito dalle società di investimento controllate. La dimensione operativa del Gruppo è oramai importante per un player del mercato dello sviluppo locale ed è nei programmi del management e del Consiglio consolidarla e renderla sostenibile con opportuni investimenti in appropriate strutture operative e tecnologie, senza far mancare la spinta all’innovazione che ha sempre caratterizzato la Società. Il Gruppo Sinloc ha oramai consolidato una chiara leadership sul mercato in diversi ambiti: le operazioni in PPP (Partenariato Pubblico Privato) a livello locale, sia agendo come investitore, sia strutturando proposte per soggetti terzi; la gestione dei Fondi e programmi Comunitari e della Banca Europea degli Investimenti; lo sviluppo delle comunità energetiche, in cui Sinloc può oggi vantare, assieme alla partecipata Energy4Com, oltre 40 iniziative a livello nazionale; il supporto a società di gestione di infrastrutture locali nella definizione dei nuovi progetti d’investimento e nella ricerca delle fonti finanziarie nazionali ed europee (per esempio l’ottenimento di importanti prestiti BEI per il Tram di Padova ovvero il supporto ai Mercati ortofrutticoli all’ingrosso di dodici città o infine finanziamento del parco mezzi ecologici di ATAP Biella). Pur attento alla crescita e ad una sana redditività ed efficienza della sua operatività, Sinloc ha continuato ad avere una grande attenzione a progettualità caratterizzate da importanti impatti sociali anche in contesti poco frequentati da altri operatori del mercato. Esempi di questa attenzione sono: le dodici piattaforme di assistenza tecnica gestite in altrettante Regioni, con la collaborazione
Continua a leggere

STEP-WISE: IL NUOVO PROGETTO EUROPEO PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA DEGLI ENTI LOCALI

24 Febbraio 2024
LIFE Step-WISE è il nuovo progetto co-finanziato dall’Unione Europea di cui Sinloc è partner, avviato nel dicembre 2023. Si tratta di un programma dinamico che riconosce il ruolo centrale svolto dagli enti locali nella riduzione del consumo energetico e delle emissioni di gas serra, attraverso lo sviluppo di piani locali di transizione per l’energia pulita. Step-WISE mira dunque ad aumentare la capacità degli enti locali di avviare una transizione energetica efficace attraverso lo sviluppo di piani per l’energia pulita. Un team composto da otto partner europei, con capofila IES, lavorerà per rendere il processo più facile, veloce e accurato attraverso il toolkit Step-WISE che consentirà alle amministrazioni locali di disporre di un modello digitale di base da utilizzare per la simulazione energetica. Il toolkit sarà in grado di valutare diversi scenari, dare priorità agli interventi nel tempo e costruire un piano dinamico di transizione e di monitorarne i progressi. Sinloc si occuperà di realizzare un inquadramento strategico e normativo degli strumenti di policy, supporterà lo sviluppo del toolkit e supporterà l’azione di capacity building a beneficio di sei amministrazioni di medio-piccola dimensione appartenenti ad isole del Mediterraneo, grazie al collegamento con la European Facility NESOI. Per maggiori informazioni consulta la pagina dedicata al progetto.  
Continua a leggere

STRATEGIA TERRITORIALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE: 5 PROGETTI DALLA VALLE D’AOSTA AL LAZIO

2 Febbraio 2024
Dagli antichi generali greci (“strategos”), all’Arte della Guerra di Sun Tzu fino alla più recente Agenda per lo Sviluppo Sostenibile 2030, il concetto di strategia si è ampliato e sviluppato nel tempo, toccando ambiti che vanno dalla politica fino all’economia e alla gestione aziendale. La strategia respira a pieni polmoni non si ferma a singole azioni, guarda avanti, analizza il presente e anticipa le sfide future. In un contesto territoriale come quello italiano, caratterizzato da una grande varietà di paesaggi e un patrimonio di risorse culturali, storiche e ambientali inestimabile, strategie territoriali solide e condivise possono garantire la tutela di ecosistemi fragili, preservare l’attrattività di una regione e permettere una distribuzione più uniforme delle opportunità economiche. Nell’ambito della pianificazione territoriale, la strategia diventa dunque un pilastro fondamentale per guidare lo sviluppo armonico di un’area: un concetto che negli ultimi sei mesi abbiamo fatto passare dalla teoria alla pratica in quattro diverse Regioni, nelle quali abbiamo affiancato aggregazioni di enti locali nella progettazione di action plan a sostegno dei futuri interventi. Insieme all’Unité des Communes valdôtaines Grand-Combin abbiamo sviluppato una Strategia Territoriale Integrata che delinea obiettivi e azioni per tutelare l’unicità del paesaggio e la qualità dei prodotti del territorio, incrementare i servizi per gli abitanti, accelerare la transizione energetica, aumentando la resilienza agli impatti dei cambiamenti climatici. La Strategia, attraverso un’analisi del territorio e l’identificazione dei fabbisogni, con gli stakeholders locali e transregionali, ha definito un Piano di 28 azioni capaci di evidenziare e collegare i grandi elementi di attrattività disseminati nel territorio. Nell’ambito del PR FESR 2021-27, la Regione Piemonte ha deciso di finanziare con oltre 131 milioni di euro 14 Aggregazioni Urbane del territorio e le rispettive Strategie Urbane d’Area (SUA), ovvero gli strumenti concepiti per promuovere e rafforzare l’attuazione di interventi integrati per l’attrattività turistica, la valorizzazione del patrimonio naturalistico, storico e architettonico e la coesione territoriale. Stiamo fornendo assistenza tecnica sia per l’Aggregazione Urbana del Braidese, formata da 5 comuni in provincia di Cuneo a cui sono stati assegnati oltre 7,2 milioni di euro, sia per l’Aggregazione del Canavese ed Eporediese, composta da 24 comuni torinesi e assegnataria di oltre 9,7 milioni di euro. Su incarico di Bcc Pordenonese e Monsile, abbiamo definito l’Action Plan finalizzato a valorizzare 11 comuni del Medio Friuli con capofila il Comune di Codroipo. Il Piano ha individuato cinque azioni strategiche per favorire la mobilità lenta, promuovere il paesaggio e i numerosi elementi di prestigio del territorio, tra cui: Ville, Castellieri, itinerari storici e culturali. L’obiettivo della strategia è quello di porre basi solide per configurare progetti concreti, sostenibili e di impatto, favorendo sinergie tra i comuni e aumentando le loro possibilità di accedere a finanziamenti. Importanti i risultati ottenuti anche dal GAL Vette Reatine, il cui Piano Strategico di Sviluppo Locale 2023-2027, a cui ha lavorato un team misto Sinloc e AS&P, partecipata strumentale del Gruppo, si è classificato primo nella graduatoria di Regione Lazio su un totale di 16 GAL partecipanti, ottenendo un finanziamento di oltre 4 milioni di
Continua a leggere

LA RINASCITA DELL’EX VILLAGGIO OLIMPICO A TORINO: STUDENT HOUSING D’IMPATTO

17 Gennaio 2024
Da quartiere degradato a spazio rinnovato e sicuro per studentesse e studenti: questa, in sintesi, la storia della rinascita dell’ex Villaggio Olimpico a Torino, adiacente all’ex Mercato Ortofrutticolo all’Ingrosso (MOI). Dopo il termine dei Giochi Invernali del 2006, il complesso ha conosciuto un delicato periodo di occupazione abusiva. L’avvio, nel 2017, di un importante progetto di ricollocazione delle oltre 800 persone che abitavano abusivamente nelle palazzine, ha permesso di affrontare l’emergenza abitativa e lavorativa in atto, grazie all’intervento di un gruppo di lavoro inter-istituzionale composto da Città di Torino, Prefettura, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Fondazione Compagnia S. Paolo e Diocesi di Torino. Nel 2020, il Fondo Abitare Sostenibile Piemonte (Fasp) ha acquistato le sette palazzine, per una superfice di oltre 11.800 mq, destinandole, grazie ad un’opera di sostanziale riqualificazione, alla residenzialità temporanea studentesca per un totale di circa 400 posti letto. Oggi l’ex Villaggio Olimpico a Torino ospita moderne soluzioni di student housing, gestite da Camplus, con servizi e spazi di condivisione ed è inserito in una più ampia cornice di rigenerazione dell’area. Su incarico di Investire Sgr, che gestisce il Fondo Fasp, il team Sinloc ha lavorato alla valutazione degli impatti attesi dell’iniziativa, creando un set di indicatori con cui stimare il ritorno socio-economico e ambientale dell’operazione, sia con l’obiettivo di attivare azioni di controllo sulle performance di progetto sia in un’ottica comunicativa. Il team di lavoro ha operato attraverso tre azioni fondamentali: L’analisi dei principali elementi di contesto che caratterizzano il territorio in cui si inserisce l’iniziativa, in particolare dal punto di vista abitativo e in riferimento al mercato immobiliare; La mappatura e l’ascolto dei soggetti che portano interesse (stakeholders) nell’iniziativa e che sono direttamente e indirettamente coinvolti nel progetto; La valutazione ex ante degli impatti socio-economici e ambientali legati allo sviluppo del progetto, svolta in collaborazione con Open Impact, spin-off di ricerca partecipato da Sinloc, che gestisce il primo database digitale in Italia per l’impact benchmarking. Il Social Return on Investment (SROI) con cui è stato valutato il complesso degli impatti generati dall’iniziativa è positivo, ciò dimostra come un intervento, finalizzato a superare una criticità, possa generare benefici e effetto leva sul territorio circostante, dimostrandosi non solo un’opportunità per gli studenti ospitati nella struttura ma uno stimolo verso una maggiore coesione all’interno della comunità.  
Continua a leggere

SINCERI AUGURI DI BUONE FESTE!

22 Dicembre 2023
È ormai diventata una tradizione farvi i nostri auguri di Buone Feste pubblicando la foto vincitrice dell’annuale concorso fotografico interno. In questo scorcio assolato di Cinque Terre vediamo come la mano dell’uomo ha modificato un paesaggio comunque splendido: ponti, ferrovia, case, terrazze da coltivare, muretti a secco, ma anche percorsi pedonali e ampie vedute sul mare. Una bellissima foto che ritrae e sintetizza il nostro lavoro a favore della realizzazione di opere pubbliche locali sostenibili; un impegno che intendiamo portare avanti con passione e professionalità anche nel 2024. A tutte e tutti un augurio per un nuovo anno ricco di soddisfazioni!  
Continua a leggere

PALAZZO PATERNOLLI: A GORIZIA UNA NUOVA RESIDENZA PER STUDENTI E TURISTI

13 Novembre 2023
Palazzo Paternolli, immobile storico nel centro di Gorizia, verrà trasformato in una moderna residenza transfrontaliera per studenti universitari, docenti e turisti. L’iniziativa, guidata dal Gruppo Visconti, ha l’obiettivo di restituire alla città friulana, nominata capitale europea della cultura 2025, la storica dimora per farne un centro di aggregazione sociale e culturale. Il Gruppo Visconti è stato affiancato dal team Sinloc MC, società di mediazione creditizia del Gruppo Sinloc, nell’elaborazione del piano economico-finanziario e nel dialogo con gli istituti di credito per la raccolta delle risorse finanziarie necessarie per la riqualificazione di Palazzo Paternolli. Nel 2021 il team Sinloc aveva curato lo studio di fattibilità dell’operazione di riqualificazione dell’edificio. All’interno della struttura, che presenta cinque piani fuori terra per una superficie totale di 2.000 mq, saranno realizzati 75 posti letto distribuiti in camere doppie, singole e minialloggi tutti dotati di monoblocchi cucina nonché di servizi disponibili gratuitamente per gli utenti (es. palestra, spazi comuni, biblioteca, sale studio, servizi multimediali). La conclusione dei lavori è prevista entro i prossimi sei mesi. L’operazione risponde all’esigenza, sempre più crescente, di colmare il divario tra domanda e offerta di alloggi, in una città in cui il 30% degli studenti provengono da fuori Regione e presenta un trend di iscritti ai corsi delle università di Trieste e Udine in continua crescita.
Continua a leggere

DICONO DI NOI

RASSEGNA STAMPA

CONTATTI CON LA STAMPA

EDOARDO BUS

+39 335 74 61 321
e.bus@brandreporterconsulting.it

GIULIA NICOLETTO

+39 049 84 56 911
giulia.nicoletto@sinloc.com